Comune di Cariati » POLITICHE SOCIALI -SANITA'

POLITICHE SOCIALI - SANITA'

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI MISURE DI SOSTEGNO E SOLIDARIETÀ IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ, ANCHE TEMPORANEA, DOVUTA ALL’EMERGENZA SANITARIA DA COVID-19DI CUI ALLA D.G.R. 4

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI MISURE DI SOSTEGNO E SOLIDARIETÀ IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ, ANCHE TEMPORANEA, DOVUTA ALL’EMERGENZA SANITARIA DA COVID-19DI CUI ALLA D.G.R. 44/2020 E D.D. n° 609 del 03.06.2020

 

     SCARICA AVVISO PUBBLICO                      SCARICA  MODELLO DOMANDA

 REGIONE CALABRIA

DIPARTIMENTO LAVORO, FORMAZIONE, POLITICHE SOCIALI

PIANO AZIONE E COESIONE (PAC) CALABRIA 2014-2020

ASSE 10 – Inclusione sociale

Obiettivo Specifico 9.1 “Riduzione della povertà, dell’esclusione sociale e promozione dell’innovazione sociale”

Linea di Azione 9.1.3 “Sostegno a persone in condizione di temporanea difficoltà economica”

MISURA DI SOLIDARIETÀ CALABRIA

AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI MISURE DI SOSTEGNO E SOLIDARIETÀ

IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ, ANCHE TEMPORANEA, DOVUTA

ALL’EMERGENZA SANITARIA DA COVID-19DI CUI ALLA D.G.R. 44/2020 E D.D. n° 609

del 03.06.2020

 

COMUNE DI CARIATI

 

Allegato 4

 

Avviso Pubblico dei Comuni rivolto ai Cittadini

 

PREMESSO

 

 Che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, in data 30 gennaio 2020, ha dichiarato lo stato di emergenza internazionale di salute pubblica per il coronavirus (PHEIC);
 Che il Consiglio dei Ministri, con delibera del 31 gennaio 2020, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 7, comma 1, lettera c), e dell'articolo 24, comma 1, del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, ha dichiarato, per 6 mesi dalla data dello stesso provvedimento, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;
 Che, in ragione dell’evolversi dell’epidemia da COVID-19, dichiarata dall’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) quale emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale, è necessario contenere le prevedibili ripercussioni sul sistema sociale ed economico calabrese;
 La Giunta della Regione Calabria, preso atto delle misure già poste in essere a livello nazionale, dovendo tenere conto delle specificità del tessuto sociale ed economico calabrese, ritenendo di dover integrare le misure esistenti al fine di arginare il rischio di povertà che potrebbe, nella fase di emergenza in atto, interessare un numero eccessivamente alto di nuclei familiari, coinvolgendo non solo realtà pregresse e già note, ma anche soggetti generalmente in grado di provvedere autonomamente alle proprie necessità ma che attualmente versano nell’assoluta impossibilità di accedere alle proprie risorse a causa del c.d. lockdown, anche in riferimento a tutti quei soggetti che non sono interessati dalle misure già previste dal Governo;
 Con la D.G.R. n. 44 del 09.04.2020 la Giunta regionale ha fornito indirizzi al Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche sociali in vista dell’adozione degli atti necessari alla concessione di contributi economici straordinari, prevedendo una Misura di solidarietà per favorire l’accesso a beni essenziali(quali ad es. alimenti e farmaci), in relazione all’emergenza COVID-19, in favore dei nuclei familiari più esposti (difficoltà croniche, congiunturali o crisi di liquidità temporanea dei nuclei familiari) agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità ai soggetti non già assegnatari di sostegno pubblico, attuate attraverso il riconoscimento di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità, o l’acquisto e distribuzione di beni alimentari o prodotti di prima necessità da parte dei Comuni, potenziando, in tal modo, le misure statali varate con i provvedimenti citati in premessa, al fine di garantire il diritto al sostentamento alimentare alla più ampia platea possibile di famiglie e individui in difficoltà ed evitare anche l’insorgere di situazioni di criticità tali da provocare disordini o, addirittura, esporre a fenomeni criminali visto che il tessuto sociale è stato reso molto fragile dalla crisi sanitaria ed economica in corso, da finanziarsi a valere su risorse nazionali ed europee POR 2014/2020, PAC 2014/2020 e PAC 2007/2013, nel limite massimo di € 25.000.000,00;
 Con D.G.R. n. 86 del 15.05.2020 sono state allocate risorse pari a € 10.000.000,00 destinate al finanziamento dell’operazione in questione a valere sull’ Asse 10, Obiettivo Specifico 9.1, Azione 9.1.3 del PAC Calabria 2014-2010,
 Che con il D.D.n°609 del 03.06.2020 è stata approvata l’operazione “Erogazione di misure per il sostegno e la solidarietà alimentare in favore di nuclei familiari in difficoltà, anche temporanea, dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19 di cui alla DGR 44/2020”, disponendo accertamento e impegno delle somme;
Visti:
 la D.G.R. n. 44 del 09.04.2020 con cui la Giunta regionale ha fornito indirizzi al Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche sociali in vista dell’adozione degli atti necessari alla concessione di contributi economici straordinari, prevedendo una Misura di solidarietà per favorire l’accesso a beni essenziali (quali ad es. alimenti e farmaci), in relazione all’emergenza COVID-19, in favore dei nuclei familiari più esposti (difficoltà croniche, congiunturali o crisi di liquidità temporanea dei nuclei familiari) agli effetti economici derivanti dall’emergenza
epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità ai soggetti non già assegnatari di sostegno pubblico, attuate attraverso il riconoscimento di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità, o l’acquisto e distribuzione di beni alimentari o prodotti di prima necessità da parte dei Comuni, potenziando, in tal modo, le misure statali varate con i provvedimenti citati in premessa, al fine di garantire il diritto al sostentamento alimentare alla più ampia platea possibile di famiglie e individui in difficoltà ed evitare anche l’insorgere di situazioni di criticità tali da provocare disordini o, addirittura, esporre a fenomeni criminali visto che il tessuto sociale è stato reso molto fragile dalla crisi sanitaria ed economica in corso,
 la Delibera della Giunta della Regione n. 86 del 15.05.2020 n. 86 del 15.05.2020, con cui sono state allocate risorse pari a € 10.000.000,00 destinate al finanziamento dell’operazione in questione a valere sull’ Asse 10, Obiettivo Specifico 9.1, Azione 9.1.3 del PAC Calabria 2014-2010, da impiegare nell’acquisizione di buoni spesa da utilizzare per l’acquisto di generi alimentari presso esercizi commerciali elencati sul sito istituzionale di ogni Comune;
 il Decreto dirigenziale n. 609 del 03.06.2020, con cui è stata approvata l’operazione “Erogazione di misure per il sostegno e la solidarietà alimentare in favore di nuclei familiari in difficoltà, anche temporanea, dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19 di cui alla DGR 44/2020”, disponendo accertamento e impegno delle somme e con il quale sono stati approvati tutti i documenti relativi all’operazione, tra cui il Disciplinare d’attuazione e relativi allegati, da intendersi qui integralmente richiamati;
Ritenuto di dover provvedere, con urgenza, alla pubblicazione di un Avviso rivolto alla cittadinanza per l’erogazione della Misura di Solidarietà Calabria per il sostegno a nuclei familiari in difficoltà, anche temporanea, dovuta all’emergenza da Covid-19, come previsto dalla DGR n. 44/2020 e al D.D. 609 del 03.06.2020;
Considerato che il Comune di CARIATI,a seguito dei citati provvedimenti regionali ha ricevuto un contributo straordinario pari ad €. 43.413,05 finalizzato a sostenere i cittadini che, a causa dell’Emergenza coronavirus, si trovano in difficoltà economica e non riescono a provvedere alla spesa alimentare per sé e/o per il proprio nucleo familiare.
Vista la determinazione del Responsabile dell'Area Servizi alla Persona n. 062 del 25/06/2020 che ha approvato lo schema del presente Avviso pubblico;
È indetto l’AVVISO PUBBLICO PER L’EROGAZIONE DI MISURE DI SOSTEGNO E SOLIDARIETÀ IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ, ANCHE TEMPORANEA, DOVUTA ALL’EMERGENZA SANITARIA DA COVID-19DI CUI ALLA D.G.R. 44/2020 E D.D. N. 609 del 03.06.2020.
Definizioni
1. Ai fini del presente Avviso, si intendono:
a) per “generi alimentari e di prima necessità” i beni alimentari, prodotti per l’igiene personale e per l’igiene della casa, prodotti farmaceutici, farmaci e parafarmaci;
b) per “Beneficiari” i Comuni calabresi che abbiano aderito alla presente iniziativa, mediante stipula della Convenzione con la Regione Calabria, ai fini dell’attuazione dell’operazione e distribuzione dei buoni di solidarietà alimentare ai cittadini destinatari;
c) per “soggetti destinatari”, le persone fisiche in possesso dei requisiti di cui all’art. 4 del Disciplinare di attuazione, individuati dal Comune di CARIATI a mezzo del presente Avviso pubblico, cui segue l’approvazione di elenchi stilati dal Comune medesimo, sulla base delle istanze pervenute e in funzione dei criteri generali definiti dalla Regione Calabria e dal Disciplinare di attuazione, tenuto conto dei principi di ammissione prioritaria, secondaria e residuale ivi previsti ti e avendo cura di tutelare nuclei familiari più esposti ai rischi economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, dando priorità a quelli non già assegnatari di altre forme di sostegno pubblico.
A tal fine si precisa che destinatari della misura sono persone e nuclei residenti nel Comune
di CARIATI che si trovino in “stato di bisogno”. Il competente Settore del Comune individuerà i nuclei in stato di bisogno dando priorità agli individui e ai nuclei in difficoltà, anche temporanea, che non abbiano percepito nessuna misura di sostegno legata all’emergenza sanitaria.
d) per “misura di solidarietà Calabria” si intende il “buono spesa”, il titolo dematerializzato in formato elettronico o in formato pdf, trasmesso telematicamente ai cittadini e spendibile negli esercizi commerciali e farmacie/parafarmacie aderenti alla procedura di evidenza pubblica del Comune, incluse nell’apposito elenco pubblicatosecondo le forme di pubblicità previste e sui rispettivi siti web istituzionali degli enti locali;
e) per “servizi sociali”, il Servizio sociale comunale o dell’ambito territoriale o altro Settore competente individuato dal Comune.
Importo del buono spesa
Il contributo concesso per mezzo del buono spesa è erogato una tantum ed il relativo importo è determinato secondo le seguenti modalità:
COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE
IMPORTO
Nuclei unipersonali Euro 100,00
Nuclei composti da due persone Euro 200,00
Nuclei composti da tre persone Euro 300,00 
Nuclei composti da quattro persone Euro 400,00
Nuclei composti da cinque persone o più Euro 500,00
L’importo è aumentato di €. 50,00 in caso di presenza di un minore 0-3 anni.
 
In caso di presenza di disabile nel nucleo familiare a prescindere dal numero dei componenti l’importo complessivo e di €. 500,00
Destinatari, istanze e modalità di concessione del buono spesa
I destinatari sono individuati mediante la stesura e la approvazione di appositi elenchi stilati dai servizi sociali (o altro settore del comune) sulla base dei criteri generali definiti dal decreto dirigenziale della Regione Calabria n. 609 del 03.06.2020 e dal Disciplinare di attuazione, tenuto conto dei nuclei familiari più esposti ai rischi economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, dando priorità a quelli non già assegnatari di altre forme di sostegnopubblico.
Ai fini della presentazione delle istanze, della individuazione dei destinatari e dell’assegnazione dei buoni spesa sono stabilite le seguenti definizioni, modalità e criteri:
 Destinatari: Persone e nuclei residenti nel Comune beneficiario (nonché persone e nuclei domiciliati nel Comune in conseguenza dei provvedimenti che hanno imposto limitazioni agli spostamenti sul territorio nazionale) che versino “in stato di bisogno”, individuati sulla base delle istanze pervenute ed in funzione dei criteri di cui al presente articolo, dando priorità agli individui e nuclei in difficoltà, anche temporanea, che non abbiano percepito nessuna misura di sostegno legata all’emergenza sanitaria.
Lo “stato di bisogno” è altresì comprovato dalla presenza di c.d.eventi causali di effetti economici negativi, anche temporanei, causati dell'emergenza da COVID-19,che il richiedente deve dichiarare nell’istanza, sotto la propria responsabilità, individuati nelle seguenti circostanze:
- la perdita o la riduzione del lavoro senza attivazione di ammortizzatori sociali ovvero con ammortizzatori insufficienti in relazione al fabbisogno familiare;
- la sospensione temporanea dell'attività con partita IVA rientranti nei codici ATECO delle attività professionali, commerciali, produttive artigianali non consentite dal DPCM 22 marzo 2020
e successive integrazioni;
- l’impossibilità di percepire reddito derivante da prestazioni occasionali/stagionali o intermittenti a causa dell’obbligo di permanenza domiciliare con sorveglianza sanitaria o per effetto della contrazione delle chiamate;
- altre cause analoghe, di pari gravità, che il richiedente descrive e dichiara sotto la propria responsabilità nell’istanza;
 Istanze: Il Servizio Sociale competente riceve le istanze, anche dematerializzate, presentate dai cittadini, contenete dichiarazioni sostitutive ai sensi degli artt. 46 e 47 del T.U. 445/2000 e s.m.i., da trasmettere ESCLUSIVAMENTE a mezzo e-mail alla casella di posta elettronica dedicata: protocollo.cariati@asmepec.it .
Le istanze devono essere presentate a partire dalla data di pubblicazione del presente Avviso e fino ad esaurimento delle risorse disponibili, secondo i criteri di cui al presente Disciplinare.
Eccezionalmente, in caso di impossibilità, da parte del cittadino, di presentare istanza tramite e-mail, è consentita la consegna a mano, al protocollo generale del Comune, da effettuare nel rispetto delle vigenti regole in materia di distanziamento sociale, muniti di D.I.P. (dispositivi individuali di protezione);
Possono presentare domanda i cittadini residenti o domiciliati nel comune, che si trovino in una delle seguenti condizioni a seguito dell’insorgere dell’Emergenza Covid-19:
- la perdita o la riduzione del lavoro senza attivazione di ammortizzatori sociali ovvero con ammortizzatori insufficienti in relazione al fabbisogno familiare;
- la sospensione temporanea dell'attività con partita IVA rientranti nei codici ATECO delle attività professionali, commerciali, produttive artigianali non consentite dal DPCM 22 marzo 2020 e successive integrazioni;
- l’impossibilità di percepire reddito derivante da prestazioni occasionali/stagionali o intermittenti a causa dell’obbligo di permanenza domiciliare con sorveglianza sanitaria o per effetto della contrazione delle chiamate;
- altre cause da specificarsi (eventualmente a cura del Comune o da parte del richiedente all’interno dell’istanza).
 Causa ostativa
 : È causa ostativa alla concessione del beneficio che l’istante o altri componenti il nucleo abbiano già presentato medesima domanda in altri Comuni del territorio regionale.
Ammissione prioritaria
 : È motivo di ammissione prioritaria alla concessione del beneficio non avere percepito, alla data di presentazione dell’istanza, a nome proprio o di altro componente del nucleo familiare, redditi, contributi o sussidi, comunque denominati nel periodo di c.d. lockdown (dal 9 marzo al 3 maggio 2020). Rientrano nell’ammissione prioritaria i richiedenti il cui nucleo familiare abbia percepito contributi, sussidi o redditi entro un importo che va da zero a 780,00 euro complessivi nel periodo considerato.
Ammissione secondaria
 : Persone e nuclei che, nel mese precedente a quello di presentazione dell’istanza, a nome proprio o di altro componente del nucleo familiare, abbiano percepito redditi, contributi e/o sussidi, comunque denominati, nei limiti di 780,00 euro mensili. Tali richiedenti essere ammessi con priorità secondaria, compatibilmente con la disponibilità delle risorse assegnate al Comune.
Ammissione residuale
 : Qualora l’importo necessario a far fronte alle richieste pervenute ecceda i limiti delle risorse disponibili, il Comune provvederà alla concessione dei buoni spesa nei limiti delle risorse medesime dando priorità ai criteri di ammissione prioritaria e secondaria, rispettivamente. Soddisfatte tali richieste, in presenza di economie maturate nelle risorse assegnate nell’ambito del presente intervento, il Comune potrà assegnare i buoni a tutti gli altri richiedenti, stilando elenchi ordinati in base all’ISEE, dando priorità a redditi più bassi e nuclei familiari più numerosi.
Riserva: Il 5% del fondo assegnato al Comune deve essere utilizzato per l’erogazione di
buoni per famiglie al cui interno del nucleo familiare vi sia la presenza di un disabile nella misura massima di € 500,00.
Le dichiarazioni di cui sopra, rese dal richiedente sotto la propria responsabilità, dovranno essere formulate utilizzando lo schema di istanza predisposto, da trasmettere ESCLUSIVAMENTE a mezzo e-mail alla casella di posta elettronica dedicata: protocollo.cariati@asmepec.it .
Eccezionalmente, in caso di impossibilità, da parte del cittadino, di presentare istanza tramite e-mail, è consentita la consegna a mano, al protocollo generale del Comune, da effettuare nel rispetto delle vigenti regole in materia di distanziamento sociale, muniti di D.I.P. (dispositivi individuali di protezione);
Controlli e sanzioni
Il Comune di CARIATI si riserva di effettuare verifiche a campione circa la rispondenza di quanto dichiarato. Nel caso in cui dai controlli emerga una non corrispondenza tra quanto dichiarato ovvero la non sussistenza delle condizioni in base alle quali è stato concesso il buono spesa, il contributo sarà revocato d’ufficio. La revoca del contributo verrà disposta, altresì, qualora, dalla verifica effettuata, l’utilizzo del buono avverrà in modo difforme da quello per cui si è richiesto il contributo.
Ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi previsti dalla legge sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e determinano la pronuncia di decadenza dai benefici eventualmente conseguenti il provvedimento emanato su tali basi.
Informazioni e supporto ai cittadini
Per informazioni e supporto telefonico nella compilazione della domanda è possibile rivolgersi al Comune di CARIATI – Area Servizi alla Persona contattando i seguenti numeri telefonici: 0983/9402204-213, attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00, oppure la seguente e-mail: protocollo.cariati@asmepec.it .
Cariati, lì 29/06/2020                                                                                       IL RESPONSABILE AREA
                                                                                                                                 Cataldo RUSSO
indietro

Finanziamenti Pubblici

Raccolta Differenziata

Raccolta Differenziata

Finanziamenti Pubblici

Sportello SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

Moduli unificati per l'edilizia

Moduli unificati per l'edilizia

Autolettura dell'acqua

Autolettura dell'acqua

Dati sulle Acque

Dati sulle Acque

Imposta di Soggiorno

Imposta di Soggiorno

CA.GI.CARD

CA.GI.CARD

Posta Elettronica Certificata

PEC

Gli indirizzi PEC del Comune

Web Gis

Web Gis

FOTOGALLERY

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

Notizie non disponibili

Statistiche visite

Statistiche visite

Comune di Cariati
P.IVA 01079800783
Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.451 secondi
Powered by Asmenet Calabria